Dimissioni di Lupi, premier solidale



da Corriere: I cocci sono tutti di Ncd, sebbene Renzi non abbia alcuna intenzione - perché non ne ha interesse - di far apparire l’esecutivo un monocolore pd, per evitare che il partito alleato - in grave difficoltà - salti come un tappo e comprometta il suo progetto di arrivare alle urne solo quando il Paese avrà «percepito» la ripresa economica. 

Ma intanto si è liberato il posto in quel ministero ambito dal segretario del Pd e che fin dalla formazione del suo governo fu oggetto di scontro. «Facciamo i conti...», esordì allora il premier incaricato durante le trattative, per ridimensionare la delegazione di Ncd che stava con Enrico Letta. «Facciamoli i conti», gli replicò a brutto muso Lupi: «Senza di noi tu oggi non saresti qui». 
Un anno e passa dopo Renzi esprime la sua «solidarietà» all’ormai ex ministro, che aveva provato a resistere, nonostante il capo del governo gli dicesse di non provarci: «Lo so che non sei indagato, ma vedrai che i media si concentreranno solo su di te con le intercettazioni. È solo l’inizio: ti renderanno la vita insopportabile, finirà di mezzo la tua famiglia...». ...continua