Privilegi e sortilegi.

vignette-politica-la-casta
Modello Political Superior - Kaos66

La casta. Nessuno la vuole più, ma tutti ci dicono quanto sia necessaria. La casta è come l'appendice, spesso duole, crea rogne, può infettarsi, e nessuno sa a cosa serva. A parte i costi e i privilegi ormai la casta è una specie di miraggio che serve soprattutto al morale delle truppe. Qualcuno spera di entrarvi a far parte e di fare così il sospirato sei all'enalotto. Un vecchio adagio dice: se vieni eletto in Italia sei sistemato tu e tutta la tua famiglia fino alla settima generazione. 

Forse non è proprio così. Si arriva tranquillamente alla decima e undicesima generazione a spendere oculatamente i risparmi di noi cittadini. Una classe dirigente tuttavia serve. Ci vuole qualcuno che ci dica dove stiamo andando e dove dobbiamo andare. Ecco perchè sarebbe utile far l'antidopping a chi entra in parlamento. A dirla un esame di idoneità non farebbe male nemmeno a noi cittadini, perchè è evidente che anche noi "popolo italiano", non è che sappiamo scegliere molto bene. Ogni popolo ha il Re che si merita. Se è vero, siamo messi male. Siamo la ricotta tra l'incudine e il martello, saltiamo dalla padella a Storace. Non è che siano tutti farabutti, questo proprio no. 

C'è anche gente che ci mette il cuore e tutta la sua onestà. Il problema è che i risultati sono demoralizzanti. Il distacco tra i cittadini e i politici (non la politica) è pari alla distanza che separa Giovanardi dal buon senso, tra la Samsung e i Filistei. Nulla è più necessario del superfluo e questa classe dirigente è più che superflua, è ostativa. Potremmo fare di meglio se non dovessimo mantenercela, saremmo più ricchi se non dovessimo arricchirla, saremmo più felici se non dovessimo averla davanti tutti i santi giorni. I costi della politica sono tra i più antipatici, ma non sono mica i soli. Abbiamo peer esempio un sistema bicamerale perfetto anche per le registrazioni delle auto. In Inghilterra per comprare un auto ti trovi col venditore, ti piace, gli dai i soldi e lui ti da il libretto, fine. In Italia paghi 500 euro anche per comprare un rottame senza motore, siamo alla follia istituzionalizzata.
“Condividi  questo post con i tuoi amici e commenta