Dalla Germania al resto d'Europa.

vignetta: Larghe intese - Vignetta
Larghe intese - Vignetta

In Germania stravincono le larghe intese. E' tra le notizie di politica che la Merkel ha preso si la maggioranza dei voti, ma si trova senza una gamba, quella dei Liberali dell Fpd, sulla quale appoggiava il precedente governo. Nell'Europa del quotidiano poco male e molto male per la povera Angela, condannata così a fare i conti per forza di cose con i Socialdemocratici senza l'appoggio dei quali non ha la maggioranza per governare e senza i quali questa mitica e mistica stabilità teutonica rischia di venire meno.

 Il risultato elettorale è notevole, non c'è che dire. I tedeschi ci hanno sempre presi per i fondelli sul fatto che governavamo il nostro paese con coalizioni a fritto misto, un po' di qua un po' di la, ebbene signori, benvenuti nel club. Mettere insieme la Cdu e la Spd non sarà affatto facile, i primi vorranno governare forti della loro dimensione nel paese e gli altri vorranno mettere le briglie al pachiderma merkelliano e dirigerne l'andatura verso obiettivi più consoni al prezzo che dovrebbero pagare in termini di consenso elettorale in caso di appoggio al governo. Una situazione che noi italiani conosciamo bene. La democrazia occidentale è ancora una volta ad un bivio: tutti al governo e nessun responsabile, o nessun governo e di nuovo nessun responsabile. Un po' di instabilità della Germania a noi in fondo ci fa anche comodo, non perchè l'atteggiamento dei tedeschi è fastidioso, anzi sinceramente insopportabile, ma perchè la Germania in questo momento si è isolata e gode da sola di una situazione che la vede fortemente avvantaggiata. Loro hanno fatto i compiti bene, è vero, noi no, vero pure questo, loro si sono rialzati ancora una volta dalla distruzione di una guerra che li hanno visti perdenti, e noi no, però c'è un però. L'Europa è un condominio e se i primi piani cadono a pezzi e cominciano a crollare, anche chi sta ai piani alti ha poco da gongolare. La Germania dovrebbe preoccuparsi anche delle frane in Italia, ma anche Spagna, Portogallo, Grecia e Francia e anche gli altri paesi non risulta stiano benissimo. La crisi ha morso tutti ma la Germania prosegue a proporre e imporre finché può una politica che va bene solo a lei. Quindi o la Germania decide di conquistare tutta l'Europa (non avevamo già visto questo film?) o decide di aiutare i paesi partners rendendoli autonomi e forti quanto lei. Oppure decide di uscire dall'euro. Oppure i paesi che pagano forte questa crisi usciranno dall'euro. Oppure... Oppure... Va notato che ogni giorno sempre più l'eventualità di uscire dall'euro ha abbandonato le nicchie autarchiche rustico/valligiane e diventa sempre più una carta sul tavolo del gioco di molti partiti, sarebbe una sconfitta per l'Europa, una bella figura di M.., 
 

“Se vi è piaciuto quest’articolo, condividetelo con i vostri amici”