L'Italia, gli italiani e il furore di Dio.

vignetta-kaos66-città
città-in-subbuglio-Kaos66

Quello che non diciamo a volte ci rimane sul cozzo così tanto tempo che poi finisce per diventare parte di noi stessi. Io non so con quale spirito oggi si possa ancora credere che certa classe dirigente sia in grado di portare questo paese fuori dal pantano, poichè è questa stessa classe dirigente che ce lo ha affondato fino al colletto, bianco o blu che sia. Se non proprio gli stessi sono i loro figli, e se non sono i loro figli sono i loro amici. E poi come si fa a chiedere a chi è seduto su un ramo comodo e che ben lo pasce di tagliare ciò su cui è seduto? Siamo seri, stiamo chiedendo al lupo se è giusto mangiare l'agnello, è ovvio che ti dirà che è necessario farlo, peccato che gli agnelli siamo noi.

Delegare non è più un buon sistema. Avevamo già la sensazione che così non era tanto, tanto tempo fa, ora ne abbiamo la certezza. Churchill diceva che la democrazia è un sistema che fa schifo, ma è il meno peggio che abbiamo. Allora aveva ragione, ora non si sa più se è davvero così. Forse oggi fa schifo e basta, perchè la democrazia serve ai ricchi per farsi dare il potere legittimamente dai poveri per fare i loro interessi. La destra e la sinistra non c'entrano, non c'entrano più, sono sorpassate, svanite, metabolizzate e digerite dal sistema che ne ha fatto palle di sterco. Forse non ci sono alternative, forse le alternative non prevedono il dare in mano a degli inetti tutto il nostro futuro. E' dura da digerire, soprattutto per chi è disoccupato e non vede un bel futuro inanzi a sè, e non è tempo di Malox. Il fatto è che ancora non si vede nessuna via d'uscita. E' di ieri la notizia apparsa di sguincio qua e là, non ricordo più nemmeno dove l'ho sentito, forse ad un telegiornale Rai, che la ripresa secondo qualcuno non ci sarà nemmeno nel 2014... che sorpresa! Che dobbiamo ancora fare per andare avanti e credere in questo paese? Perchè in questo paese bisogna credere, nel futuro bisogna credere, negli italiani bisogna credere, altrimenti è solo un gioco a chi scassa di più, è un gioco che non porta a niente. Spero nelle meteore, spero nei vulcani, spero nelle epidemie e nelle pandemie, spero negli incidenti nucleari, negli tzunami, spero negli ingorghi stradali, spero negli incendi, spero nei mal di gola, spero nella sifilide e LSD, spero nei pazzi, spero nelle catacombe, spero nei burroni, spero nei fiumi in piena e spero nel furore di Dio. Spero.