La nostra terra

Vignette - Ecologia -
La nostra Terra - Kaos66

Il Lago di Garda è inquinato come se fosse un tratto di mare. L'allarme arriva da uno studio condotto da Christian Laforsch dell'Università di Bayyeuth e pubblicato sulla rivista Current Biology. Se penso ad una spiaggia dei Caraibi, allora questa è una buona notizia, se penso al tratto di mare che ho visto in certe zone che è meglio non dire, in Italia, allora questa non è una buona notizia. Siamo un popolo di santi, di poeti, di navigatori e di voncioni. Non amiamo la nostra terra, nè in senso patriottico nè in senso spaziale. 

Ci comportiamo come tanti maiali che grufolano e razzolano, incuranti della merda che abbiamo sotto i piedi, tanto è sempre colpa di qualcun altro o alla meglio, tanto non si può fare diversamente. Invece si potrebbe fare diversamente, ma la situazione è complicata. Naturalmente il problema non è solo del Lago di Garda o dei laghi, ma anche dei fiumi. Anche il Ticino, il Po, il Tevere, l'Arno e quasi tutti i grandi fiumi dell'italica penisola versano in condizioni penose, poco curati, poco puliti. E' di questi giorni la notizia dei forti nubifragi nel sud d'Italia. Lì il problema è diverso. 

Oltre i tratti usati come discariche a cielo aperto vi sono vaste zone dove la vegetazione si moltiplica negli alvei dei fiumi formando dei veri e propri tappi di canneti e arbusti. Fino a quando l'acqua è poca nessun problema, ma appena arriva l'acquazzone estivo sono guai. 
A Milano poi il problema è secolare. Non si capisce perchè ma appena arrivano due gocce d'acqua il traffico si blocca. E' una specie di magia. Sei in macchina, il traffico scorre mentre il cielo si rannuvola all'orizzonte e appena comincia a piovere ecco, tutti fermi e non si capisce perchè.

“Condividilo con i tuoi amici”